“Autori di oggi, capolavori di ieri”

Otto incontri fino a giugno

Sabato 18 gennaio torna con la sesta edizione “Autori di oggi, capolavori di ieri”, la fortunata rassegna letteraria curata dalla professoressa Carla Lomi, ambientata in alcuni dei più prestigiosi tesori architettonici del territorio mediceo, caratterizzata quest’anno da alcune novità: per la prima volta l’organizzazione dell’evento è stata affidata all’associazione turistica Pro Loco di Carmignano, con il contributo dei Comuni di Poggio a Caiano e Carmignano, in secondo luogo alle Ville Medicee di Poggio a Caiano ed Artimino si agggiunge Villa Il Granduca, situata nelle vicinanze di Carmignano, infine ad opere meramente letterarie si affiancano testi poetici e filosofici. Resta invece invariata la formula ormai collaudata e premiata dal pubblico, che prevede che illustri scrittori contemporanei raccontino grandi classici della letteratura di ogni luogo e tempo che hanno segnato profondamente la loro storia personale. E’ confermato anche l’approfondimento dedicato ai capolavori artistici del territorio, intitolato “Ospitare opere geniali”, che ha debuttato l’anno scorso con un incontro incentrato sulla “Visitazione” del Pontormo custodita nella chiesa di San Michele a Carmignano, e che in questa edizione sarà imperniato sull’affresco di “Vertumno e Pomona”, eseguito sempre dal Pontormo, nel Salone di Leone X della Villa di Poggio a Caiano.

Ad aprire la manifestazione, sabato 18 gennaio alle 17 nella Villa Medicea di Poggio a Caiano, sarà Nadia Terranova, che parlerà e leggerà alcuni passi de “Il giro del mondo in ottanta giorni” di Jules Verne; sabato 22 febbraio alle 17 ancora nella Villa Medicea di Poggio a Caiano Franco Marcoaldi tratterà e leggerà alcune liriche de “Il seme del piangere” di Giorgio Caproni; sabato 7 marzo alle 17 sempre nella Villa Medicea di Poggio a Caiano Ivano Dionigi presenterà il “ De brevitate vitae” di Lucio Anneo Seneca, con letture dell’attore Moreno Fabbri; sabato 28 marzo alle 17 nella Villa Medicea di Artimino Michela Marzano proporrà e leggerà alcuni passi di “Una vita di donna” di Annie Ernaux; sabato 4 aprile alle 17 nella Villa Il Granduca di Carmignano Massimo Carlotto disserterà de “I viceré” di Federico De Roberto, con letture di Elisabetta Santini; infine sabato 9 maggio alle 17 nella Villa Medicea di Artimino Carlo Ossola disquisirà de “La terra promessa” di Giuseppe Ungaretti, con letture dell’attrice Giusi Merli.

Per quanto riguarda gli approfondimenti legati all’affresco di “Vertumno e Pomona”, giovedì 21 maggio alle 21 nel Salone di Leone X della Villa Medicea di Poggio a Caiano lo storico dell’arte Carlo Falciani terrà una lezione dal titolo “Pontormo a Poggio a Caiano. Vertumno, Pomona e il tempo”, mentre martedì 9 giugno alle 21 nella Villa Medicea di Artimino lo scienziato Stefano Mancuso svolgerà una conferenza intitolata “Vertumno e Pomona. Il mondo delle piante, dei fiori e dei frutti: dal mito alla scienza”.

Tutti gli appuntamenti prevedono l’ingresso gratuito e non necessitano di prenotazione, tuttavia è opportuno precisare che l’accesso è garantito fino all’esaurimento dei posti disponibili. Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’associazione turistica Pro Loco di Carmignano chiamando lo 055.8712468 oppure o scrivendo a info@carmignanodivino.prato.it. La rassegna è realizzata in collaborazione con Comune di Poggio a Caiano, Comune di Carmignano, Polo Museale della Toscana, Tenuta di Artimino e Villa Il Granduca di Carmignano, con il patrocinio di Regione Toscana, Provincia di Prato, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna – Dipartimento di Filologia classica e italianistica, Centro Studi “La permanenza del Classico”, International Association for Art and Psycologu, FIDAPA – BPW ITALY – Sezioni di Pistoia, Amici delle Ville e dei Giardini Medicei, I Parchi Letterari, Touring Club Italiano – Club di di territorio Firenze, e con il contribuito di Chianti Banca, Bio-Distretto del Montalbano e Ristorante Da Delfina. (Barbara Prosperi)

Posted on

Questo articolo è stato pubblicato in arte, cultura e con I tag . permalink.
Translate »